La nostra Storia…continua

Non è facile descrivere brevemente – e con la dovuta precisione – tutte le fasi evolutive della storia lunga e gloriosa della nostra Sezione: storia ricca di memorie, di nobili tradizioni e di esuberante vitalità. Tuttavia, lo facciamo alla luce di indagini, documenti e ricordi, chiedendo scusa per qualche possibile e inevitabile inesattezza, o involontaria omissione

Bruno Bartolini

E’ l’autunno del lontano 1922: un gruppetto di sani sportivi sente la necessità di organizzarsi ufficialmente per poter svolgere la meravigliosa attività arbitrale. Si ritrovano in via Vittorio Emanuele (oggi Corso Italia), nello studio del Geom. Ugo Essinger, che viene acclamato primo Presidente del “Gruppo Arbitri di Pisa”, eleggendovi – per ospitalità ma, soprattutto, per necessità – la propria sede.

Del Gruppo fanno parte, tra gli altri, l’Ing. Giovanni Giagnoni, il viareggino Gialma Bevilacqua, Bruno Bartolini, Ferruccio Fabiani e Gino Salvadori.

Nonostante il loro entusiasmo, l’iniziativa non viene seguita da altri giovani e il Gruppo viene, pertanto, sciolto, dalla C.I.T.A. (Commissione Italiana Tecnica Arbitrale), a causa del limitato numero di iscritti, ed aggregato a quello di Firenze, più numeroso ed operante dall’anno precedente.
Il forzato “esilio” stimola i fondatori del Gruppo pisano a far opera di proselitismo tra amici ed ex calciatori: in brevissimo tempo riescono a ricostituire il Gruppo di Pisa che viene intitolato a Mario Bini, ex calciatore del Pisa S.C. deceduto durante la grande guerra.
Anche dalla vicina Livorno nuovi Associati vengono ad incrementare il Gruppo pisano, che ormai ha superato definitivamente la fase critica iniziale della costituzione.

Renato Gianni

Pisa 1924: campo sportivo “Abetone”. Prima gara ufficiale di Gianni Gentili

Pisa 1924: i promossi al 1° Corso Aspiranti Arbitro. Si riconoscono Sguanci, Gianni, Pineschi, Carena, Caregioli; Logli

Durante la stagione sportiva 1924/25, viene indetto il primo corso per aspiranti Arbitro: vi partecipa anche Renato Gianni, insieme a Pineschi, Guido Ceresoli, Sguanci, Ernesto Logli e Carena. La Commissione esaminatrice è presieduta dall’Avv. Giovanni Mauro, Presidente dell’A.I.A., e composta dal Dr. Gino Agostini, illustre “teorico” e, naturalmente da Ugo Essinger.

Cagliari 1930: stadio “Amsicora”. Gara Cagliari – Ardita Arbitro: Bruno Bartolini

Pisa 12/04/1931: tra gli altri, si riconoscono, Gnesi, Pannocchia, Cecchi, Pucci, Parra, il cap. Santucci

A questo punto, i locali dello studio Essinger non sono più idonei ad accogliere tutti gli Arbitri pisani. Nel 1932, viene nominato Presidente della Sezione Giovanni Giagnoni che trasferisce la sede presso il Caffè “Pietromani”, sul Lungarno Mediceo.

Mario Gnesi

A quel tempo, nei campi mancavano le reti di recinzione, i servizi igienici, i mezzi di trasporto erano insufficienti, e, tra l’altro, le cronache sportive spesso si occupavano (come del resto oggi) di atti di teppismo nei confronti dei Direttori di gara. Nella stagione 1934/35 si registra uno degli episodi più tristi e drammatici della nostra storia: il collega Mario Gnesi, sul campo di la Rotta, per un ipotetico calcio rigore non concesso alla squadra locale, viene aggredito e colpito con violenza da un sasso in pieno viso, con la conseguente perdita totale dell’occhio sinistro.

Costretto ad abbondare l’attività arbitrale, si dedica a quella associativa, frequentando assiduamente la Sezione fino alla scomparsa avvenuta nel 1971, dopo aver ottenuto la qualifica di Arbitro Benemerito.

Renzo Massai

Renzo Massai tra Parola, capitano della Juventus e Piola, capitano del Novara

Siamo nel 1936: entra a fa parte della nostra famiglia Renzo Massai, astro nascente e vanto dell’intera classe arbitrale italiana: dopo gli orrori della guerra, diventa Arbitro Internazionale, riceve il Premio nazionale “G. Mauro” (1953/54).

Successivamente, svolge le funzioni di Osservatore alla C.A.N., e resta ancora oggi il più grande Arbitro pisano di sempre.

Firenze 1935: Coppa “Marranci”. I pisani Tassi,Borgioli, Massai e Orzi.

Alla rilevante attività tecnica, si unisce una proficua ed intensa attività associativa: iniziano i primi allenamenti collegiali, le prime riunioni tecniche periodiche, la partecipazione a gare di atletica leggera riservate ad Arbitri. I nostri pionieri si aggiudicano, tra l’altro, la prestigiosa Coppa “Marranci” a Firenze.

La prima formazione calcisitica del “Gruppo”. Si riconoscono Bartolini, Gianni, Giagnoni, Peri, Cecchi, Fabiani e Pannocchia

Negli anni seguenti, gli Arbitri pisani sono chiamati a far parte della Rappresentativa Toscana per la disputa del “Trofeo Biancone” e della “Targa Salvatori”, arrivando alla fase finale e contribuendo in misura determinante all’affermazione della squadra regionale.Nasce così lo spirito di gruppo, ancora oggi palpabile in tutte le manifestazioni alle quali partecipa, organizza la nostra Sezione

Tito Rugani

Prima della seconda guerra mondiale, diventano Arbitri: Giulio Battistini – che più tardi diventerà Sindaco di Pisa e Deputato al Parlamento -, Ezio Vettori, Mario Tassi, Sergio Tovani, Romeo Bianchi, Sebastiano Novi, Giovanni Cioni, Tito Rugani – indimenticabile Delegato Tecnico per moltissimi anni – (la Sezione intitola al Suo nome il Premio destinato ad un giovane, promettente Arbitro).

Durante la seconda guerra mondiale, la Sezione paga il proprio contributo alla Patria con la vita di Gagliardi, disperso nella campagna di Russia e del cap. Santucci, scomparso in Africa (Medaglia d’Oro al V.M).

Ottobre 1947: Tovani, Vettori, Renato Gianni, Pucci

Tra le nuove leve, dal 1946, iniziano l’attività giovani Arbitri molto preparati che, sulle orme di Renzo Massai, determinano uno dei periodi più fecondi della storia della nostra Sezione: Cassio Poggi, Mario Vanni e Luciano Pastechi (Premio nazionale “E. Silvano” 1964) alla C.A.N.; Giuseppe Bernardeschi, Renzo Landini, Melani, Ivo Pucciarelli, Mario Nottolini, Mario Giomi e Renato Taccola (più tardi Assistente alla C.A.N.) alla C.A.S.P.

Renato Gianni

Il 6 Gennaio 1953 muore tragicamente Renato Gianni nel cielo di Cagliari, al rientro da un incarico in qualità di Osservatore, ed insieme a Lui anche l’Arbitro Internazionale Ermanno Silvano di Torino.

Renato Gianni nasce a Pisa il 5 Agosto 1898. Sportivo di razza, si dedica prima all’atletica leggera e, successivamente, al calcio dove disputa molti campionati con la maglia del glorioso PISA S.C. (dal 1922/23 al 1924/25) e, contemporaneamente, pratica pure altre discipline come il nuoto, il canottaggio e la scherma. Ritiratosi dallo sport attivo, nel 1925 si dedica all’attività arbitrale, dove si afferma subito per preparazione tecnica, equilibrio e coraggio.

Successivamente, si distingue pure come competente, imparziale Commissario Speciale e di campo, venendo incaricato di visionare le prestazioni degli Arbitri più quotati della Serie “C”.

La scomparsa di Renato Gianni è una grande perdita: non solo per la Sezione di Pisa ma per l’intera classe arbitrale italiana e per tutta la Città.
Gli Arbitri pisani – a ricordo perenne – Gli intitolano la Sezione che ancora oggi porta il Suo nome, e l’A.I.A. istituisce il Premio nazionale “Renato Gianni”, da destinare annualmente ad un Dirigente nazionale della F.I.G.C. o dell’A.I.A. particolarmente distintosi.

Mario Vuat, Ivo Pucciarelli, Verano di Puccio

Nel 1954 Bruno Bartolini (già Fiduciario regionale Arbitri, Ispettore federale e Osservatore alla C.A.N.) succede a Giovanni Giagnoni alla guida degli Arbitri pisani, rimanendo in carica fino al 1960, quando l’inossidabile Ing. Giovanni Giagnoni riassume la Presidenza della Sezione.

In questo periodo, si distinguono in campo Nazionale: Alberto Giola in Serie B; Verano di Puccio e Pietro Helzel (Premio Nazionale C.A.S.P. 1964) in Serie C; Romano Gammarota in Serie D; Giancarlo Cordoni e Giancarlo Fabrini nel Campionato Interregionale.

Giovanni Giagnoni

Nel 1963 scompare improvvisamente Giovanni Giagnoni: il maestro, il buon padre di famiglia che ha saputo guidare gli Arbitri pisani con grande capacità per ben venti anni. Il C.D.S. istituisce un Premio da assegnare ad un Arbitro Benemerito o Fuori Quadro che abbia dimostrato particolari doti di attaccamento alla Sezione e contribuito alla formazione dei giovani.

Squadra di calcio 1961. Si riconoscono, tra gli altri, da sinistra: G.C. Fabrini, S. Barbani, I. Pucciarelli, M. Coppoli, L. Trafeli

Sede Sezionale in via Flaminio dal Borgo (1960 – 1965)

Ivo Pucciarelli

Sede Sezionale in via San Martino 51 (1966 – 1977)

Gli succede Ivo Pucciarelli, in qualità di Commissario straordinario prima e di Presidente l’anno successivo. La Sezione si sposta da via Flaminio dal Borgo in Via San Martino n° 51 (1966).

PISA 1966 – l’a.b. Bruno Bartolini inaugura la nuova Sede Sociale di Via S. Martino

R.T.O. nella Sede di via San Martino il 4 Novembre 1966, giorno dell’alluvione che colpì duramente la città di Pisa (gli ospiti fiorentini del Comitato Regionale non riuscirono a raggiungere la Città). Nella foto da sinistra: M. Landini, I. Gasperini, R. Landini, R. Santini, S. Barbani, R. Massani, P. Catarsi, I. Pucciarelli, P.G. Bendinelli, M. Antonini, A. Specchio

Il 23 Maggio 1968, la Sezione partecipa, sulla pista di Coverciano (FI), al Trofeo regionale “G. Mauro” di atletica leggera, sbaragliando letteralmente il campo degli avversari, e imponendosi largamente, davanti a Firenze e a Livorno.

Di questa squadra, fanno parte: S. Barbani, Coli, Cordella, G.C. Cordoni (1° nei 100 m. in 12” e 7/10), U. Di Prete, Garzella (1° nei 3.000 m. in 11’ e 2”), Carlo Pampana (1° nella staffetta 4 x 100 in 49” e 8/10), Marzio Macci (1° negli 800 m. in 2’ e 30” e nella staffetta 4 x 100 in 49” e 8/10), M. Cigarini, Macchia, G. Moisè, V. Ruberti, M. Tognetti, L. Turini.

Nel 1969 scompare improvvisamente l’ex Arbitro internazionale Renzo Massai, ancora oggi il nostro Associato più grande di sempre. Per ricordarLo, viene intitolato a Suo nome il Premio sezionale riservato all’Arbitro che durante la stagione ha raggiunto il traguardo più prestigioso.

19/3/1970: Festa Sezionale. Si riconosco, tra gli altri: M. Vuat, I. Pucciarelli, R. Reggi, M. Macci, O. Casula, I. Gasperini, R. Santini, S. Bellagamba, Z. Salvatorini, R. Landini, M. Landini, S. Matteucci, I. Novi, A. Specchio, G. Russo, V. Ruberti, L. Turini, P. Helzel, M. D’Alascio, R. Del Guerra, F. Ceraudo, P.G. Bendinelli, C. Pampana, P. Pozzolini.

Antonio Ibelli

Il 1° Giugno 1972 si festeggia a Tirrenia , con una sontuosa manifestazione, il 50° Anniversario della fondazione della Sezione. Purtroppo, in questa occasione, a causa di un grave incidente stradale, ci lascia Antonio Ibelli, giovane e promettente collega, al quale la Sezione intitola un importante Premio da assegnare annualmente ad un giovane Arbitro.

50° Anniversario della fondazione della Sezione

Durante la mattina del 1° Giugno, presso il centro CONI di Tirrenia, si svolge il “Trofeo del Cinquantenario”, tra tutte le Sezioni della Toscana. Gli Arbitri pisani si aggiudicano il prestigioso Trofeo, sia nella categoria Juniores che Seniores (m. 100, m. 800, m. 1500, m. 3000, staffetta 4×100).

Si riconoscono: Santini Jr, F. Cassi, L. Stumbo, R. Landini, I. Pucciarelli, L. Turini, M. Pitzalis, G.C. Cordoni, A. Specchio, T. Rugani, A. Pucciarelli, R. Perelli, C. Gasperini, G. Bordone, M. Landini, L. Trafeli, G. Cassiano, S. Barbani, M . Vuat, I. Novi, G. Redini, V. Marino, I. Gasperini, G.C. Fabrini, R. Benvenuti, Ciardi, Sisca, M. Chini, A. Runci, M. D’Alascio, V. Nelli

La Presidenza di “Ivo”La Presidenza di “Ivo” è caratterizzata da un grande fermento e da un’intensa attività associativa, oltre che dal raggiungimento di traguardi notevoli che rappresentano ancora oggi uno dei momenti più rappresentativi della lunga vita di questa Sezione. Ivo riesce, tra l’altro, ad incrementare il numero degli Associati fino a raggiungere prima 101 unità (1971) e, l’anno successivo, 113 (6 Benemeriti; 18 Fuori Quadro.; 7 Assistenti.; 82 Effettivi), mai raggiunti prima.

10/10/1973 – Ristorante “Turiddo”: S. Matteucci, I. Pucciarelli, M. D’Alascio, R. Vallesi, M. Macci, A. Specchio, R. Santini, P. Helzel, G. Fabrini, S. Bellagamba, S. Barbani, C. Pampana, L. Sposati, A. D’Anza, R. Benvenuti, C. Gasperini, R. Reggi, G. Dini, R. Perelli, I. Novi, A. Runci, P. Della Bartola, T. Rugani, V. Marino

Non si possono tracciare i segni profondi che ci ha lasciato in poche parole: gli episodi, i fatti più significativi e salienti della Sua Presidenza sono così tanti che sarebbe oltremodo presuntuoso cercare di raccoglierli in queste pagine.
Non a caso, l’A.I.A. gli conferì il Premio nazionale “G. Agostini” (1974/75) quale miglior Presidente di Sezione d’Italia.

Gemellaggio Spezia – Pisa: 8 Maggio 1975

Giancarlo Redini

C’è un elenco lunghissimo di colleghi che riescono ad affermarsi in campo nazionale: primo tra tutti Giancarlo Redini, alla C.A.N. dalla stagione sportiva 1974/75, il secondo Arbitro pisano di sempre, che dirige stabilmente in Serie “A”, collezionando circa 100 presenze, e sfiorando d’un soffio il passaggio alla qualifica di Internazionale.

E’ il nuovo “Alfiere” della Sezione e il punto di riferimento per i giovani, i quali sperano di ripercorrere le sue tappe.

Coverciano, Raduno CAD 1974: Novi, Russo e D’Alascio

Alla C.A.D., dapprima Mario Coppoli, Piero Conforti (1972/73) e Ulisse Di Prete (Premio nazionale C.A.D. 1971); successivamente: Michele Calabretta (1977/78 – formatosi a Pisa, esploso nella sua Soverato dove raggiungerà più tardi la C.A.N.), Franco Cassi (1975/76), Francesco Ceraudo (1974/75), Michele D’Alascio (1973/74), Carlo Fiaschi (1976/77), Italo Novi (1973/74), Gesualdo Russo (1974/75). E, dulcis in fundo, i “Magnifici 7” che, nella stagione sportiva 1976/77, dirigono alla C.A.S.P. (Serie “D”): Conforti, D’Alascio, Novi, Pampana, Perelli, Russo e Vallesi.

7 Arbitri pisani alla CASP (1976/77): Vallesi, Perelli, Conforti, Pampana, Russo, Novi, D’Alascio

Roberto Benvenuti e Renzo Santini con l’Arbitro internazionale Paolo Bergamo

Giancarlo Cordoni con l’Arbitro Internazionale Giulio Ciacci e Squillantini

Non sono da meno gli Assistenti: i mitici Roberto Benvenuti e Renzo Santini (alla C.A.N. dal 1964/65 al 1979/80, costituiscono una “coppia” tra le più apprezzate e stimate; collaborano per molti anni anche con l’Internazionale Paolo Bergamo di Livorno. Per entrambi, Premio nazionale “Aretium” 1973/74) e Giancarlo Cordoni impegnato permanentemente alla C.A.N. dal 1969/70, anche con l’Arbitro internazionale Giulio Ciacci di Firenze. Premio nazionale “Aretium” 1975/76); Aduo Caselli alla C.A.N. – C; Sergio Barbani, Paolo Della Bartola, Mauro Cigarini, Marzio Macci (1975/76), Verico Ruberti e Antonio Specchio alla C.A.S.P.

Tra gli Osservatori, il Presidente Pucciarelli è alla C.A.N. dal 1969/70 (Premio nazionale “F. Mattea” 1976/77), mentre Luciano Pastechi (per lunghi anni Vice Presidente di Sezione) e Pietro Helzel sono alla C.A.S.P. (dal 1974/75); Omero Casula e Giancarlo Fabrini alla C.A.D. (dal 1976/77).

Squadra di calcio 1975: da sinistra R. Del Guerra, P. Della Bartola, C. Pampana, R. Vallesi, L. Bani, F. Cassi, G. Dini, B. Noce, A. Specchio, P. Pozzolini, F. Ceraudo, V. Nelli, C. Gasperini, I. Novi

Con un’inversione di tendenza rispetto agli anni precedenti, nel 1975 la Forza sezionale registra una flessione, riducendosi a 88 Associati (6 Benemeriti; 18 Fuori Quadro; 7 Assistenti; 57 Effettivi).

Da sinistra: A. Runci, W. Tosè, O. Colelli, I. Pucciarelli, A. Taccini, F. Cassi, R. Del Guerra, R. Santini, G. Carrani, V. Marino, L. Sposati, R. Piz, G. Bordone, F. Ceraudo, M. Calabretta, S. Parenti

Il 26 Settembre 1975, la Commissione Medica Arbitrale Nazionale, presieduta dal Dr. Sergio Pegreffi (componenti: Dr. Angelo Balestrazzi e Dr. Francesco Pascarella), rilevato che la nostra Sezione “ha versato il maggior tributo in vite umane alla causa arbitrale, con il sacrificio degli Associati Renato Gianni e Antonio Ibelli, assegna una Medaglia d’Oro dell’Organizzazione sanitaria dell’A.I.A. – S.A. alla Sezione di Pisa, con la seguente motivazione: “Medaglia d’Oro in memoria dei Suoi Associati caduti nell’espletamento del mandato arbitrale”.

Festa Sezionale 13 Maggio ’77: G. Adami, R. Pasturenti, il Presidente dell’AIA Giulio Campanati, il Segretario dell’AIA Augusto Isopi, Il Presidente Ivo Pucciarelli, Il Commissario CAN Giuseppe Ferrari Aggradi, il Commissario CAN-C Cesare Jonni, il Commissario CAD Nicola Macchiarella

Sede Sezionale in Viale delle Cascine 20 (1977 – 1987)

Il 13 Maggio 1977, il Presidente dell’A.I.A. Giulio Campanati inaugura la nuova sede sul Viale delle Cascine n° 20. Sono presenti i massimi Dirigenti nazionali dell’Associazione: l’indimenticabile Commissario C.A.N. Giuseppe Ferrari Aggradi, Giuseppe Adami, Renato Pasturenti, Cesare Jonni, Nicola Macchiarella e il Segretario dell’A.I.A. Augusto Isopi.

Renzo Santini

Nel Luglio del 1977, Ivo Pucciarelli – chiamato a presiedere il Comitato Regionale della Toscana – lascia la guida della Sezione a Renzo Santini, che raccoglie il difficile testimone con entusiasmo e grande determinazione.

Il 19 Maggio 1978, con una sontuosa cerimonia, viene celebrato il XXV Anniversario del Premio nazionale “Renato Gianni”; nell’occasione il prestigioso Premio viene assegnato al Dirigente nazionale Nicola Macchiarella.
Breve, ma intesa, (1977/78 e 1978/79) la Presidenza Santini, contraddistinta da un grande attaccamento ed una totale dedizione di Renzo, oltre che da uno spirito di colleganza non comune.
Viene incrementato decisamente il numero degli Associati, che nel 1978 conta ben 143 unità, così suddivise: 8 Benemeriti; 19 Fuori Quadro; 6 Assistenti; 110 Effettivi).

Gli Assistenti Rodolfo Perelli e Antonio Specchio, alla C.A.N. dal 1978 al 1985, spesso in terna con Giancarlo Redini

Moreno Volpi

Dopo tre stagioni da Delegato Tecnico e una (1978/79) da Vice Commissario della C.A.R. Toscana (a quel tempo separata dal C.R.A.), il 1° Luglio 1979 inizia il lungo periodo di Moreno Volpi alla Presidenza, incarico che conserva fino al 30 Giugno 1994, dopo ben quindici anni, tra la stima e l’ammirazione dei colleghi.

Carlo Fiaschi

E’ un periodo particolarmente fortunato per Moreno: nel giro di qualche anno, oltre al grande Giancarlo Redini, si affermano definitivamente Franco Cassi (alla C.A.N. 1985/86, dirige in Serie “B”), Michele D’Alascio (alla C.A.N. – C 1979/80 per quattro stagioni), Carlo Fiaschi (alla C.A.N. – C 1983/84 per quattro stagioni e, dopo, una in serie “B” come Assistente); Italo Novi (tre stagioni alla C.A.N. in Serie “B” dal 1985/86), Carlo Pampana (cinque stagioni in Serie “C” da 1977/78 e, successivamente, per circa venti anni Vice Presidente di Sezione), Roberto Vallesi (cinque stagioni in Serie “C” con qualche apparizione in Serie “B”).

Più tardi, altri giovani interessanti difendono i colori della Sezione in campo nazionale: Paolo Braccini (1989/90), Carlo Cremonini (1987/88), Roberto Amato (1989/90), Fabio Cordoni (1993/94), Riccardo Lupi (1982/83), Giovanni Melani, Ernesto Muscatello, Antonio Taccini, Osvaldo Colelli, Luigi Sposati alla C.A.N. – D; Mario Bo, Maurizio Ceccareli e Giorgio Ciampi alla C.A.I.; Gabriele Liut alla C.A.N. – D (calcio femminile).

Carlo Pampana e Luciano Pastechi: i due Vice Presidenti più longevi

Negli anni successivi, risultati lusinghieri arrivano pure da quei colleghi che, appeso il fischietto al fatidico chiodo, intraprendono l’attività di Osservatore, dove questa Sezione vanta una tradizione piuttosto favorevole: Francesco Ceraudo, Benito Mancini (1986/87), Gesualdo Russo (1992/93), Roberto Del Guerra (1993/94) alla C.A.N. – D; Franco Cassi (1989/90), Omero Casula, Michele D’Alascio (1992/93), Carlo Fiaschi (1993/94), Giancarlo Redini (1988/89) alla C.A.N. – C; Mario Vuat e Moreno Volpi (già Premio nazionale “Presidenza A.I.A.” 1985/86 come miglior Osservatore alla C.A.I.) alla C.A.N.

Gli Assistenti non sono da meno: Raffaele Basta, Massimo De Ranieri (1987/88), Antonio Frosini, Luca Santini, Daniele Scarsella (1992/93) e Pino Staffa (1992/93) alla C.A.N. – D.

Sede Sezionale in Via del Martello 2 (1988 – 1995)

Nel frattempo (1988), la Sezione si trasferisce, unitamente al Comitato provinciale della F.I.G.C., in via del Martello, 2.

Omero Casula

Il 2 Luglio 1988 scompare tragicamente Omero Casula, durante un lancio con il paracadute: Associato modello, assiduo frequentatore della Sezione, rigore morale non comune, personaggio umile ma unico. A Lui è intitolato il Premio sezionale che viene assegnato non solo per capacità tecniche, ma, soprattutto, per attaccamento alla vita associativa.

Pietro Helzel

A gennaio 1990, all’età di 58 anni, scompare improvvisamente Pietro Helzel. Cresciuto alla scuola sportiva dei Salesiani, Arbitro fino alla “Serie C”, dal 1970 Presidente del Comitato Provinciale della F.I.G.C. Grande conoscitore di regolamenti, Istruttore ai Corsi per Arbitro (ha formato intere generazioni di Arbitri), rigido difensore dell’identità della Federazione, ma anche capace di aperture umane che lo avevano portato a capire come i giovani – e con loro il calcio – stava cambiando.

Medaglia di bronzo al Merito Sportivo del CONI e Medaglia d’oro della F.I.G.C.

Al Suo nome è intitolato il Premio sezionale destinato all’Assistente Arbitrale maggiormente distintosi nel corso della Stagione

Il 12 Dicembre 1992 la Sezione stabilisce un record difficilmente uguagliabile: ben 58 giovani, (Istruttore Michele D’Alascio), superano gli esami e diventano Arbitri (viene abbondantemente superato il record precedente di 32 nuovi colleghi, stabilito il 6 Dicembre 1974). E’ un successo insperato ed incredibile che fa lievitare in misura determinante il numero degli Associati fino a 240 unità (15 Benemeriti; 23 Fuori Quadro; 6 Assistenti; 196 Effettivi), record finora imbattuto.

E come non ricordare le prime ragazze che, proprio in questo periodo, decidono di sfidare la diffidenza generale, dedicandosi all’arbitraggio: Teresa Berardi, Donatella Casula, Matilde Ferraro e Cinzia Romano.

Vittorio Benedetti, il Presidente dell’AIA Salvatore Lombardo e il Presidente Moreno Volpi

Il 26 Febbraio 1993, la Sezione festeggia il 70° Anniversario della fondazione, con una splendida manifestazione a San Giuliano Terme, alla presenza del Presidente dell’A.I.A. Salvatore Lombardo.

Michele D’Alascio

Il 1° Luglio 1994 viene nominato Presidente Michele D’Alascio, da sempre animatore della vita associativa, Delegato Tecnico per sei stagioni sportive, una grande e qualificata esperienza alle spalle: prima come Arbitro (quattro stagioni in Serie “C”, poi come Dirigente sezionale e federale (è stato pure Presidente del Comitato provinciale della F.I.G.C.), infine come Osservatore arbitrale (Premio nazionale “R. Pasturenti” 1993/94 come miglior O.A. alla C.A.N. – C, prima di approdare alla C.A.N.)

26 gennaio 1996: il Presidente AIA Salvatore Lombardo inaugura la nuova Sede in P.zza V. Emanuele II

Sede Sezionale in P.zza V. Emanuel II, 23 (1995 – 2006)

Uno dei primi obiettivi che il nuovo C.D.S. si prefigge è quello di dare ai colleghi una “casa” più accogliente, funzionale, dignitosa, che possa ospitare tranquillamente gli oltre duecento Associati. Seppur tra molteplici difficoltà, il sogno si avvera il 26 Gennaio 1996 quando il Presidente dell’A.I.A. Salvatore Lombardo inaugura ufficialmente la nuova sede nella centralissima Piazza V. Emanuele II, 23.

Ivo Pucciarelli, Renato Taccola, Giuseppe Bernardeschi e Luciano Pastechi

In occasione dell’inaugurazione della sede, vengono, altresì, festeggiati i colleghi che celebrano le “Nozze d’Oro” con l’arbitraggio per aver raggiunto i 50 anni di attività: Luciano Pastechi, Ivo Pucciarelli, Renato Taccola e Giuseppe Bernardeschi. Appena un’ora dopo la manifestazione, Giuseppe Bernardeschi, a causa della forte emozione, mentre sta per rientrare a casa, si accascia al suolo e muore, lasciandoci in silenzio, quasi in punta di piedi, così come aveva vissuto.

San Giuliano Terme – 23/9/1995: Raduno precampionato O.T.P.

Dopo diciassette anni di assenza, nel Dicembre 1995 ritorna “Il Trillo”, il periodico sezionale che “esce” con cadenza trimestrale.
A Giugno 1996, perdiamo un altro, caro collega, Luciano Trafeli, che qui vogliamo ricordare con riconoscenza, insieme a Romeo Bianchi e Ivan Gasperini.
“Cambiare per migliorare”: è questa la molla che spinge il C.D.S. e tutti gli Arbitri pisani ad impegnarsi appieno nella vita associativa, dove si comincia a plasmare, a verificare e ad estrinsecarsi il comportamento dell’Arbitro.

Giorgio Ciampi

Rinaldo Sbrolli

Com’era facilmente intuibile, la vita associativa subisce un’accelerazione con riflessi positivi anche sull’attività tecnica: al termine della stagione sportiva 1995/96 (forza sezionale: 204 Associati) Giorgio Ciampi viene promosso in Serie “C”, dove trova l’Assistente Daniele Scarsella (promosso la stagione precedente), mentre Pier Paolo Marra transita alla C.A.N. – 5. L’anno precedente era passato alla C.A.N. l’Assistente Rinaldo Sbrolli, riportando il nome di questa Sezione sui campi della Serie “B” dopo lunghi anni.

Ai nastri di partenza della stagione 1996/97 (Forza sezionale: 213 Associati), i nuovi immessi nelle categorie nazionali: alla C.A.N. – D Dario Davini, gli Osservatori Gesualdo Russo alla C.A.N. – C e Marco Landucci alla C.A.N. – D., mentre il mitico Mario Vuat viene nominato componente C.R.A.

Venturina – 1/11/1996: Torneo “Riva degli Etruschi”

Il 6 Giugno 1997 viene festeggiato, presso il Palazzo dei Congressi, il 75° Anniversario della fondazione della Sezione, con una manifestazione ancora saldamente impressa negli occhi e nel cuore di quanti (oltre quattrocento) vi parteciparono.

Si trattò di uno sforzo notevole, reso possibile dalla disponibilità di molti colleghi che si dedicarono all’organizzazione di questo importante evento con dedizione non comune, riuscendo ad allestire una serata da tutti ritenuta – e non a torto! – la più imponente in assoluto nella lunga storia sezionale.

Palazzo dei Congressi: Cerimonia di celebrazione del 75° Anniversario. Da sinistra: Franco Bruno (Comitato Nazionale AIA), Danilo Pacchini (Presidente CONI Pisa), Rocco Lista (Provveditore agli studi di Pisa), Aurelio Pellegrini (Assessore Sport Provincia), M. D’Alascio, Vincenzo Fiorenza (C.R.A. Toscana) e Aurelio Cavallini (Vice Presidente Regionale F.I.G.C.)

Al termine della stagione sportiva 1997/98, gli Assistenti Claudio Burchielli e Luca Santini vengono immessi alla C.A.N. – C, mentre Carlo Cremonini passa alla C.A.N. – D come O.A.
Nel 1997, la Forza sezionale conta 218 Associati (15 Benemeriti; 22 Fuori Quadro; 17 Assistenti; 164 Effettivi).

Prestigiosa affermazione al termine della stagione sportiva 1998/99: il C.R.A. Toscana ci assegna il Premio quale “miglior Sezione Toscana”. Con questo riconoscimento, il Comitato regionale ha inteso sottolineare, ancora una volta, la valenza di una Sezione “da sempre protesa verso una organizzazione meticolosa e puntuale nel campo tecnico, amministrativo ed associativo, spesa in favore dell’Associazione e dei propri Associati”.

Mario Baglivo

E questa stagione non poteva certo concludersi meglio: vengono, difatti, promossi alla C.A.N. – D Carlo Marrocco, e gli Assistenti Riccardo Corti e Donatella Casula (calcio femminile).

Luca Romano

Considerevole e confortante, altresì, il numero di giovani – tanti giovani – che costituiscono un vivaio di rispetto che ci fa guardare al futuro con ottimismo.

Anche le ragazze, piuttosto numerose (16), si inseriscono rapidamente, riuscendo pure ad ottenere risultati apprezzabili.

Patrizio Turi

L’anno successivo (1999/2000), con la forza sezionale a 227 Associati, si registra un vero exploit: vengono promossi alla C.A.N. – D ben tre Arbitri: Salvatorluca Romano, Patrizio Turi e Mario Baglivo (calcio a 5), che vanno così ad incrementare il già folto gruppo di colleghi pisani presso questo O.T.

E proprio le nostre ragazze sono le protagoniste di un evento eccezionale: il calendario del 2000, apprezzato, non solo per la novità assoluta a livello nazionale, bensì per la disinvoltura, la simpatia e, perché no, l’avvenenza delle modelle. Eccole, mese per mese:

Gennaio: Carmen Macrì;

Febbraio: Sara Taverna;

Marzo: Luisa Saba;

Aprile: Veronica Vannucci;

Maggio: Mariaelena Mariotti;

Giugno: Beatrice Mangoni;

Luglio: Piera Masia;

Agosto: Irene Banti;

Settembre: Denise Denegri;

Ottobre: Nadia Spita;

Novembre: Eleonora Valentinuz;

Dicembre: Cristina Balia;

Al centro: Donatella Casula.

Il 7 Aprile 2000 si spegne Ivo Pucciarelli, il “Presidentissimo”. Con Ivo, se ne va un pezzo importante della storia della nostra Sezione. Al fine di onorare degnamente la Sua memoria e di farlo ricordare per sempre, il C.D.S. decide di intitolarGli una sala della Sezione (26 Febbraio 2001), un Torneo di calcio a 5 tra le Sezioni toscane (con cadenza biennale), e un Premio da destinare ad un Associato (Arbitro Benemerito oppure Fuori Quadro) maggiormente distintosi nell’attività di Osservatore, e che abbia dimostrato particolare attaccamento verso la Sezione.

Il 23 Ottobre 2000 si svolgono le prime, “storiche” elezioni per la carica di Presidente di Sezione e Michele D’Alascio viene confermato nell’incarico, a larga maggioranza.

Arbitri pisani a Udine

Alessandro Nardi

Al termine di questa stagione sportiva (2000/01), gli Osservatori Giancarlo Redini, Roberto Amato e Alessandro Nardi approdano rispettivamente alla C.A.N. (Premio nazionale “F. Monti” 2005/06, come miglior Osservatore), alla C.A.N. – D e alla C.A.N. – 5.

Carlo Fiaschi

Il 5 Luglio 2001, il Presidente – tenendo fede ai proponimenti manifestati in precedenza e convinto che la Sezione abbia bisogno di una svolta decisiva e di un salutare ricambio di uomini e di idee – decide di farsi da parte, e lo fa in punta di piedi, per non farne un avvenimento.

Così, il 24 Settembre 2001, a meno di un anno dalle precedenti, si tengono nuovamente le elezioni e alla guida della Sezione viene chiamato Carlo Fiaschi, già Vice Presidente di D’Alascio.

Nicola Basta Riccardo Corti

Edoardo Carmignani Gianpaolo Pinna

Al termine di questa stagione sportiva, grande successo per la Sezione, con le promozioni di: Nicola Basta e Giovanni Paolo Pinna alla C.A.N. – 5 e di ben quattro Assistenti  alla categoria superiore: Riccardo Corti alla C.A.N. – C, Edoardo Carmignani, Santino Luca Fierro e Marco Minardi alla C.A.N. – D; inoltre,   l’O.A. Paolo Braccini  transita alla C.A.N. – D., Michele D’Alascio viene nominato Vice Presidente del C.R.A. Toscana.

La prima gita Sezionale. Maratea: 11 – 14 Giugno 1998

Gita in Sardegna: 16 – 20 Giugno 1999

Nel frattempo, continua l’intensa e qualificata attività associativa, con le famose gite sezionali che, in qualche caso,  varcano pure i confini del nostro Paese: alla prima di Maratea (1998), seguono quella in Sardegna (1999), in Croazia (2000), a Ischia (2001),

Gita in Croazia: 14 – 18 Giugno 2000

Gita a Ischia: Giugno 2001

Lloret de Mar e Barcellona (2002), a Castellina M.ma (2003), a Capalbio (2004), all’Isola d’Elba (2005), Gardaland e Caneva  (2006), di nuovo a Lloret de Mar (2007).

Gita a Barcellona: 14 – 19 Giugno 2002

Anche nelle varie  competizioni a livello regionale tra  Sezioni, i risultati di prestigio non mancano di certo: dopo la prima vittoria al Trofeo “Riva degli Etruschi” nel 1999, il successo, in questa competizione,  viene bissato nel Dicembre 2001, mentre per due anni consecutivi ( Giugno 2001 e Giugno 2002)  Pisa si aggiudica il Trofeo “R. Mini” a Tirrenia.

Pisa si aggiudica il Trofeo “Mini” (2001)

E non sono soltanto Arbitri, Assistenti e Osservatori a tenere in alto Il nome della Sezione “R. Gianni”: ci sono, difatti, molti Dirigenti di primissimo ordine che trovano spazio anche in ambito regionale e nazionale. Michele D’Alascio  prima viene nominato Vice Presidente regionale (2002/03 e 2003/04) e, successivamente, eletto componente il Comitato Nazionale A.I.A. (2004/05 e 2005/06). Non sono da meno: Renzo Santini (per molte stagioni componente la Commissione di Disciplina regionale A.I.A. e, inoltre, Collaboratore della F.I.G.C.),  Italo Novi (a varie riprese Vice Commissario CAN-D e CAN-C);

Italo Novi, Giancarlo Redini e Carlo Fiaschi

Franco Cassi

Carlo Cremonini (prima Presidente della Commissione Disciplina Regionale e, dopo, componente la Commissione nazionale di disciplina d’appello); Gesualdo Russo (componente Commissione nazionale Comunicazione e Marketing); Moreno Volpi (componente il Servizio Ispettivo Nazionale – Premio Nazionale “F. Reggiani” 2005/2006 assegnato al Dirigente Arbitrale nel campo Amministrativo particolarmente distintosi); Giancarlo Redini (più volte Vice Commissario CAN-D e CAN-C e attualmente Ispettore Tecnico); Antonio Barbati (Referente regionale informatico); Franco Cassi (prima Rappresentante A.I.A. presso la Commissione disciplinare Lega Serie “C” e poi Ispettore Lega Serie “C”).

Riccardo Reggi

Il 17 Giugno 2003, perdiamo un caro collega, Riccardo Reggi, Arbitro dal 1961, a lungo Fiduciario Medico dell’A.I.A., che ha sempre collaborato, a vario titolo, in Sezione e che ha svolto questa attività con attaccamento non comune, passione, senso di appartenenza  e, soprattutto, immensa generosità.

Carlo Marrocco Giuseppe De Masi

Claudio Tramonte Federico Rossi

Al termine di questa stagione sportiva, Carlo Marrocco approda in Serie “C” (dove rimane cinque anni da protagonista, sfiorando persino la C.A.N.), così come Patrizio Turi, seppur nelle vesti di Assistente. Alla C.A.N. – D, invece, transitano Michele Chericoni e gli Assistenti Giuseppe De Masi e Federico Rossi. Per il calcio a 5 è Claudio Tramonte ad essere promosso alla C.A.N. – 5.

Nella stagione successiva, è il turno di Salvatorluca Romano a transitare alla C.A.N. – C in qualità di Assistente mentre l’O.A. Rinaldo Sbrolli viene promosso alla C.A.N. – D raggiunto in qualità di Arbitri Effettivi da Stefano Liberti e Alfredo Fiamingo e, per la prima volta nella lunga storia della nostra Sezione, una donna, Beatrice Mangoni, dirigerà gare a livello nazionale in Serie D”.

Stefano Liberti

Beatrice Mangoni

Alfredo Fiamingo

Michele Vitagliano

Federico Andolfi

A conclusione della stagione sportiva 2004/05, assaporano la gioia del passaggio di categoria: Michele Chiantini e Alessandro Guglielmi alla C.A.I.; l’Assistente Marco Minardi alla C.A.N. – C. e Michele Vitagliano alla C.A.N. – 5.

L’anno successivo è particolarmente felice per la nostra Sezione, che può vantare una miriade di promozioni: Michele Chiantini e Alessandro Gugliemi alla C.A.N. – D; gli Assistenti Edoardo Carmignani (C.A.N. – C), Vincenzo di Ciao e Maurizio Sergi (C.A.N. – D ); gli Osservatori Paolo Braccini (C.A.N. – C) e Marco Landucci (C.A.N.); Federico Andolfi alla C.A.N. – 5.

Vincenzo Di Ciao

Maurizio Sergi

Alessandro Guglielmi

Sede Sezionale Lungarno G. Galilei, 28 da Ottobre 2006

Il Presidente dell’A.I.A. Cesare Gussoni taglia il nastro inaugurale insieme a Carlo Fiaschi

Il 9 Marzo 2007, il Presidente dell’A.I.A. Cesare Gussoni inaugura ufficialmente i nuovi locali della Sezione, sul prestigioso Lungarno G. Galilei n° 28. Si tratta di una sede molto funzionale e pienamente rispondente alle molteplici necessità che la complessa organizzazione della vita sezionale richiede. La vista, poi, che si gode dal terrazzo e dalle finestre dello storico palazzo, conferisce alla Sezione un’ulteriore visibilità.

“Sala delle Baleari” del Comune di Pisa. Interventi degli ospiti alla Cerimonia inaugurale

Intervento del Presidente dell’A.I.A. Cesare Gussoni

Al termine della stagione sportiva 2006/2007, vengono promossi: Michele Chericoni in Serie “C”, Michele Pingitore alla C.A.I., Bruna Vinci alla C.A.N.- D come Assistente

Michele Chericoni

Bruna Vinci

Michele Pingitore

Mario Vuat

Il 30 Novembre 2007 scompare improvvisamente Mario Vuat, lasciando nello sconforto la moglie, i due figli e tutti quei colleghi Arbitri – e sono tantissimi e non soltanto a Pisa – che gli hanno voluto bene, che lo hanno stimato, che ne hanno apprezzato le indiscusse doti tecniche, morali e, soprattutto, umane.

IL C.D.S., per onorare la Sua memoria, decide di istituire il Premio “Mario Vuat”, da assegnare annualmente ad un componente C.R.A., particolarmente distintosi nell’assolvimento dell’incarico.

Renato Taccola

Il 2 Gennaio 2008, un altro lutto colpisce la Sezione: ci lascia Renato Taccola, l’Associato più anziano (88 anni e ben 62 di tessera!), che non ha smesso in alcuna circostanza di essere presente nella vita associativa sezionale, dedicandosi anche alla formazione dei giovani colleghi.

Al termine della stagione sportiva 2007/08 si registrano le seguenti promozioni: Alfredo Fiamingo alla C.A.N. Pro (ex CAN-C); alla C.A.N.- D: Michele Pingitore e Luca Candiano (Assistente); Antonio Barbati alla C.A.N – 5 (Osservatore). Da incorniciare l’assegnazione del Premio nazionale “Roberto Clagluna” a Michele Chiantini, destinato all’Arbitro della CAN-D “maggiormente distintosi per doti comportamentali, tecniche ed atletiche”.

Alfredo Fiamingo

Luca Candiano

Antonio Barbati

Degni di menzione, inoltre, i debutti nel campionato di 1^ categoria di due colleghe: Morena Amato e Nadia Spita, e l’impiego, in qualità di Assistenti, nei campionati di Eccellenza e di Promozione, di Denise Denegri (da molti anni) e di Veronica Curcio

Per quanto riguarda l’attività associativa, da registrare il prezioso secondo posto nel Torneo di calcio regionale “E. Aulisa”, al termine di una sfortunata gara di finale con la Sezione di Firenze.

Michele D’Alascio

Il 6 Giugno 2008, si svolgono le elezioni per la carica di Presidente di Sezione e Michele D’Alascio, con largo consenso, ritorna alla guida degli Arbitri pisani, con la ferma volontà di proseguire nel segno della continuità, riprendendo il testimone che aveva lasciato nelle mani di Carlo Fiaschi negli ultimi sette anni.

Paolo Braccini (Vice Presidente)

Marco Landucci (Vice Presidente)

La forza sezionale, all’inizio della stagione
sportiva 2008/09, è la seguente:
Arbitri Benemeriti 16
Arbitri Fuori Quadro 40
Assistenti arbitrali 19
Arbitri Effettivi 148
Totale 223

Carlo Fiaschi

Questa nuova stagione sembra iniziare sotto i migliori auspici: Stefano Liberti, appena dismesso dai ruoli degli Arbitri della C.A.N. – D, partecipa al corso di qualificazione alla funzione di Assistente arbitrale, posizionandosi al primo posto assoluto in graduatoria nazionale, tra gli oltre quaranta concorrenti.

Inoltre, Carlo Fiaschi, tra la soddisfazione generale, viene inserito con pieno merito tra i componenti il C.R.A. Toscana, a ulteriore testimonianza dell’ottimo lavoro svolto in favore della Sezione di appartenenza negli ultimi anni.

Il 3 Dicembre 2008 si conclude il corso Arbitri e diciannove nuovi colleghi entrano a far parte della nostra famiglia: a questa data, raggiungiamo quota 242 Associati.

Il 13 Dicembre 2008 la Sezione subisce una grande perdita che lascia un vuoto immenso e incolmabile nei nostri cuori: scompare improvvisamente Evelyn Borelli, Arbitro da quattro stagioni sportive; avrebbe compiuto ventiquattro anni il 3 Aprile 2009. Nella Sua breve permanenza nell’Associazione, ha saputo conquistarsi ugualmente uno spazio importante per le Sue non comuni doti umane, certamente non quantificabili ma di elevato spessore, che continueranno a segnare profondamente il nostro percorso.

Il 21 Dicembre 2008 debutta in 1^ Divisione Lega Pro (ex C-1) Alfredo Fiamingo, dopo un inizio di stagione veramente esaltante, sebbene fosse stato costretto a fermarsi per circa due mesi a causa di un infortunio muscolare.

Carlo Cremonini

Il 17 Marzo 2009 il Comitato Nazionale dell’A.I.A. nomina Carlo Cremonini Procuratore Arbitrale Nazionale: si tratta di un incarico prestigioso, di estrema delicatezza e complessità, che rende pieno merito alle indiscutibili qualità dell’interessato e, di riflesso, conferisce ulteriore lustro anche alla nostra Sezione.

Particolarmente intensa, nel corso di questa stagione, l’attività associativa: da incorniciare la VI Edizione del Trofeo di calcio a 5 intitolato a “Ivo Pucciarelli” che il 1° Maggio 2009, nei rinnovati impianti sportivi del C.U.S. Pisa, vede impegnate ben diciotto Sezioni e, tra queste, Macerata (con la quale viene pure suggellato il gemellaggio), Marsala, Milano, Parma e la Spezia con la partecipazione di quattrocento associati e la presenza del neo Presidente dell’A.I.A. Marcello Nicchi.

La tradizionale gita sezionale si svolge dal 13 al 17 Giugno in Sicilia, con escursioni a Erice, San Vito Lo Capo, Castellammare del Golfo, la Riserva dello Zingaro, Scopello, Segesta, le saline di Trapani e Paceco.

Andrea Arturi

Michele Chiantini

Dal punto di vista tecnico si registra un vero exploit: vengono promossi alle categorie nazionali Michele Chiantini, che approda alla C.A.N. – Pro, Andrea Arturi (C.A.N. – 5), Lorenzo Bertani (C.A.I.) e Antonio Giua (C.A.I.). Inoltre, a Mario Baglivo viene assegnato il Premio Nazionale “Presidenza A.I.A.”, per essersi maggiormente distinto come Arbitro di calcio a 5 nel corso della stagione.

Il 6 Novembre 2009 scompare l’a.b. Luciano Pastechi il decano della Sezione, con ben 65 anni di tessera.Prima Arbitro e, successivamente, Osservatore fino alla Serie “C”, Premio Nazionale “E. Silvano” (1963/64), Vice Presidente di Sezione per oltre venti anni, figura di spicco del mondo del lavoro e della società civile. Saggezza innata, carisma, tratto signorile, modo calmo e sereno di esprimersi: queste le sue migliori doti migliori. Merita sicuramente di essere annoverato tra i “Padri” di questa Sezione, tra coloro, cioè, che ne hanno favorito la crescita, lo sviluppo, la gloria, tra coloro, in definitiva, che hanno scritto le pagine più belle della sua storia.

La forza arbitrale, all’inizio della stagione sportiva 2009/10, è la seguente:

Arbitri Benemeriti 17

Arbitri Fuori Quadro 38

Assistenti arbitrali 18

Arbitri Effettivi 162

Totale 235

Gesualdo Russo

Registriamo con viva soddisfazione l’inserimento di ben due pisani nell’organico dei componenti C.R.A.: al confermato Carlo Fiaschi, cui viene affidato il delicato ruolo di Segretario, si aggiunge Gesualdo Russo, che si occuperà degli Osservatori arbitrali (Eccellenza – Promozione).

Il 23 Novembre 2009 gli Arbitri pisani ricevono la visita del Commissario Tecnico della Nazionale italiana di calcio, Marcello Lippi che, di fronte ad una platea gremita in ogni ordine di posti, nella splendida cornice della sala dei convegni dell’Accademia Palace Hotel, intrattiene i presenti con una lezione da “campione del mondo”,rendendo l’evento ancor più “storico” e memorabile.

Il 9 Dicembre, presso la Sezione, è stato presentato ufficialmente il prestigioso Sponsor degli Arbitri pisani: l’Istituto di Vigilanza Guardie di Città, alla presenza dell’Amministratore unico Mariano Bizzarri e dell’Assessore allo Sport della Provincia di Pisa, l’olimpionico Salvatore Sanzo. Tutti hanno sottolineato la novità e l’importanza di un’iniziativa di questo tipo, finalizzata a fornire ai nostri colleghi un sostegno non solo economico, ma anche morale e di immagine: per la prima volta nella storia di questa Sezione, si riconosce pienamente alla “Renato Gianni” il ruolo di vera e propria istituzione cittadina e in quanto tale meritevole di apprezzamento e di solidarietà da parte degli Enti e degli Imprenditori locali. Ovviamente, il valore simbolico dell’iniziativa non deve far passare in secondo piano l’importanza del risultato ottenuto sul piano strettamente materiale: la possibilità di gratificare i nostri ragazzi con materiale sportivo di prim’ordine acquistato grazie al contributo dello Sponsor.

Pier Giovanni Bendinelli

Dopo una lunga malattia, il 25 Febbraio 2010 scompare Pier Giovanni Bendinelli, settantuno anni, da ben quarantasette nell’Associazione (Arbitro dal 15 Febbraio 1964). Assiduo frequentatore delle attività associative sezionali, personaggio schivo, mai sotto la luce dei riflettori, ma fortemente legato ai valori dell’arbitraggio e a questa Sezione.

Gennaro D’Oriano

In Maggio il nostro Rino D’Oriano è stato inserito nell’organico nazionale degli Arbitri del Beach Soccer, dopo che qualche mese prima aveva brillantemente superato il Corso di formazione tenutosi a Riccione.

Dal 31 Maggio al 2 Giugno 2010 gita sezionale nelle Marche (Porto San Giorgio), al fine di ricambiare la visita dell’anno precedente da parte dei colleghi della Sezione di Macerata e rinnovare così i vincoli di amicizia tra le due Sezioni.

Gita nelle Marche: 31 Maggio – 2 Giugno 2010

Al termine della stagione sportiva 2009/10, vengono promossi: Lorenzo Bertani e Antonio Giua alla C.A.N. – D, l’Osservatore Daniele Scarsella alla C.A.I. e Arcangelo Vingo alla C.A.I.

Lorenzo Bertani

Antonio Giua

Daniele Scarsella

Arcangelo Vingo

Marco Landucci

Non certo da meno la definitiva consacrazione dell’Osservatore della C.A.N. Marco Landucci che viene collocato nella C.A.N. “A” e, pertanto,  opererà esclusivamente nella massima serie, insieme a pochissimi altri eletti.  Grande soddisfazione per il nostro collega e anche per questa Sezione che, proprio grazie a Marco, figura ai massimi livelli

La nuova stagione inizia all’insegna della spensieratezza: dal 18 al 25 Luglio 2010, un nutrito gruppo di Associati si concede un periodo di relax e di divertimento recandosi a Maratea. Settimana intensa, ricca di escursioni e..cene a base di prodotti tipici del posto: Affascinati dal mare di Maratea, i nostri colleghi trascorrono gran parte delle giornate sulle spiagge più belle e rinomate (accuratamente selezionate dal Presidente….) della rinomata località turistica lucana

Maratea: 18 – 25 Luglio 2010

Ai nastri di partenza  della stagione sportiva 2010/11, la Sezione si presenta con questo organico, che conta 235 Associati:
Arbitri Benemeriti:              18
Arbitri Fuori Quadro            37
Arbitri Effettivi                 155
Arbitri Effettivi  Speciali        7
Assistenti dell’Arbitro          17
Arbitri Associativi:               1

La stagione sportiva 2010/11, dal punto di vista associativo, si chiude meravigliosamente bene: prima con la VII Edizione del Trofeo di calcio a 5 “Ivo Pucciarelli” svoltosi il 2 Giugno, con la partecipazione di ben ventuno Sezioni (oltre alle quindici toscane, intervengono pure Collegno, La Spezia, Macerata, Marsala, Milano, Trapani) con il coinvolgimento di oltre quattrocento Associati; il 10 Giugno la tradizionale Serata di Gala nella splendida location dell’Abitalia Tower Plaza; e, infine, la partecipazione al III Torneo di calcio “Mario Cardelli” a Carrara, il 25 e 26 Giugno, dove, sovvertendo tutti i pronostici della vigilia, riusciamo a battere in finale la forte compagine di Genova, aggiudicandoci l’ambito Torneo.

Carrara: III Torneo “Cardelli” – 25 e 26 Giugno 2011

La stagione sportiva 2010/11, dal punto di vista tecnico, si chiude con un vero exploit, ripercorrendo i fasti di un tempo: ben sette Associati di questa Sezione ottengono la meritata promozione in ambito nazionale: l’Osservatore Paolo Braccini alla C.A.N. – B, Arcangelo Vingo alla C.A.N. – D, Salvatore Giannini alla C.A.N. – 5, gli Assistenti Arbitrali Francesco Corcione, Gabriele De Blasio e Daniele Palla alla C.A.N. – D e l’Osservatore Carlo Lazzeroni alla C.A.I.

E il 1° Agosto questi “Magnifici 7” diventano 8: Salvatorluca Romano viene inserito nell’organico degli O.A. a disposizione della C.A.I.

Salvatore

Giannini

Francesco

Corcione

Gabriele

De Blasio

Daniele

Palla

Carlo

Lazzeroni

Salvatorluca

Romano

Ai nastri di partenza della stagione sportiva 2011/12, presentiamo questo organico:

Arbitri Benemeriti         19
Arbitri Fuori Quadro      36
Assistenti dell’Arbitro    24
Arbitri Effettivi           172
Arbitri Associativi:         1

Totale 252.

Nei suoi quasi novanta anni di vita la Sezione Arbitri “Renato Gianni” di Pisa ha avuto il privilegio di accogliere molti ospiti prestigiosi, anche provenienti dall’esterno del mondo arbitrale, ma non era mai accaduto che a varcare le soglie della Sezione fosse la massima autorità spirituale cittadina.

Lo storico evento si è concretizzato nella serata di lunedì 10 ottobre, grazie alla spiccata sensibilità pastorale dell’Arcivescovo di Pisa, S.E. Mons. Giovanni Paolo Benotto, che ha saputo trovare, fra i numerosi impegni connessi al suo delicato ruolo, uno spazio anche per gli arbitri pisani.

Un sereno passaggio di consegne nel solco di quella continuità e di quella coesione che hanno sempre caratterizzato la Sezione “Renato Gianni” di Pisa. Questo è ciò che è avvenuto nell’Assemblea di lunedì 28 Maggio, all’esito della quale Carlo Fiaschi ha ricevuto dalle mani di Michele D’Alascio quel testimone che gli aveva consegnato quattro anni fa, tornando a rivestire la carica di Presidente. Si tratta infatti della seconda “staffetta” fra i due carismatici dirigenti, che si sono alternati nel condurre la Sezione con mano sicura negli ultimi 18 anni.

Veramente memorabile la serata di gala del 20 Giugno nella quale la Sezione Arbitri “Renato Gianni” di Pisa ha voluto festeggiare il 90° anniversario della sua fondazione, avvenuta nel lontano 1922. L’evento, organizzato presso l’Hotel Abitalia Tower Plaza, ha richiamato, oltre a una vera e propria folla di associati in compagnia dei loro familiari, le massime autorità sportive e cittadine: e il fatto che in questa circostanza così importante abbiano voluto essere presenti sia il Presidente Nazionale dell’AIA Marcello Nicchi che il Sindaco di Pisa Marco Filippeschi ha conferito alla manifestazione un prestigio del tutto particolare.

La serata ha avuto inizio con la celebrazione del 90° Anniversario di fondazione, impreziosita dalla presentazione ufficiale di una pubblicazione, fortemente voluta, curata e diretta da Michele D’Alascio (grafico Michele Pingitore, logo di Maurizio Gagliardi di Gamma Imageshop), pubblicazione – ben 224 le pagine con 750 fotografie, molte inedite – che ripercorre la gloriosa storia della Sezione pisana, dalla sua nascita nel lontano 1922 presso lo Studio del primo Presidente Geom. Ugo Essinger fino ai giorni nostri.

Marco Tedesco

Maurizio Sisia

La stagione sportiva 2011/12 non è stata certo avara di soddisfazioni per gli arbitri pisani, che hanno piazzato una “sestina” di tutto rispetto. I nuovi ruoli per la stagione 2012/2013, resi noti dal Comitato Nazionale il 2 Luglio scorso, hanno infatti sancito ben sei importanti promozioni: l’Assistente Stefano Liberti alla C.A.N. – B, l’Arbitro Marco Tedesco alla C.A.I., gli Osservatori Salvatorluca Romano e Daniele Scarsella alla C.A.N. – D, Michele Chericoni e Maurizio Sisia alla C.A.I.

Ai nastri di partenza della stagione sportiva 2012/13, presentiamo questo organico:

Arbitri Benemeriti          19
Arbitri Fuori Quadro      45
Assistenti dell’Arbitro    29
Arbitri Effettivi Speciali 10
Arbitri Effettivi           156
Arbitri Associativi:         1

Totale 260.

Carlo Cremonini

È con grande soddisfazione che, fra i primi atti ufficiali del secondo mandato del Presidente AIA Marcello Nicchi, registriamo la riconferma del nostro associato Carlo Cremonini nel prestigioso incarico di PROCURATORE ARBITRALE NAZIONALE.

Inutile dire che la conferma al vertice della Procura, in un ruolo così importante per la vita della nostra Associazione, rappresenta il meritato riconoscimento per quanto Carlo ha saputo fare in questo quadriennio.

Renzo Santini

Il 25 Ottobre 2012 è venuto a mancare all’età di 82 anni, il nostro collega a.b. Renzo Santini.

Renzo è stato un personaggio di spicco sia in ambito sezionale sia in ambito cittadino: Assistente alla C.A.N. per 16 anni, Presidente di Sezione per un biennio, Componente la Commissione Disciplina Regionale, collaboratore della Federazione Italiana Giuoco Calcio, per molte legislature Consigliere Comunale di Pisa.

A poca distanza dalla morte di Renzo Santini, un altro lutto ha colpito la Sezione: il 6 Novembre, all’età di 78 anni, è deceduto Marcello Ceppatelli.

Marcello, uno dei pochi esponenti rimasti di quella “colonia” volterrana che in passato ha rappresentato un importante serbatoio di associati per la nostra Sezione, conosciutissimo dagli “anziani” con i quali ha condiviso la sua attività prima di arbitro e poi di osservatore, era forse meno noto ai più giovani, visto che negli ultimi anni – per la distanza e per la salute precaria – ha potuto partecipare ben poco alla vita associativa.

Finalmente perché dopo 12 anni (da quando è stato istituito il trofeo) la Sezione di Pisa è riuscita ad aggiudicarsi la manifestazione che ogni due anni viene organizzata proprio in terra pisana attraverso un torneo con gare di Calcio a 5, per la memoria di Ivo Pucciarelli, il Presidentissimo, che fu a capo degli Arbitri pisani dal 1963 al 1977 e successivamente del CRA Toscana, uno dei più importanti Arbitri e uomini che hanno fatto la storia della Sezione.

Marco Landucci

E con quella di Domenica 5 Maggio 2012 sono cento le designazioni che il nostro associato Marco Landucci colleziona in qualità di Osservatore Arbitrale a disposizione della C.A.N. – “A”.

Un prestigiosissimo traguardo che premia le capacità ormai consolidate, il riconosciuto impegno e la consueta passione che fanno di Marco un esempio da seguire sia per Arbitri che per Osservatori.

Il 19 Maggio Stefano Liberti debutta in SERIE “A” al “Renzo Barbera” nel posticipo dell’ultima di campionato che ha visto contrapporsi Palermo e Parma. Un successo enorme, un traguardo esaltante, una gioia per lui e per tutti i colleghi pisani, fieri ed orgogliosi di averlo come amico e come associato. Questo è il frutto di sacrifici, sudore, passione, impegno e delle capacità indiscusse di Stefano, Ingegnere Meccanico, 33enne, fresco di promozione alla CAN B proprio in questa stagione sportiva, è riuscito a debuttare anche nella massima serie, coronando quindi il sogno che alimenta la passione per questo sport. Trattasi non di un arrivo, bensì di una prima tappa verso ulteriori e sempre più gratificanti traguardi che Stefano – siamo certi – riuscirà a raggiungere. Ci ha infatti abituato a grandi successi fin da quando, dopo il suo trasferimento a Pisa dalla Sezione di Catanzaro (dove è nato) e dopo la trafila delle categorie provinciali prima e regionali poi, riesce a transitare alle categorie nazionali ovvero nell’organico degli Arbitri a disposizione della CAN D nella stagione 2004/05, arbitrando gare dal coefficiente di difficoltà sempre più alto per ben quattro stagioni sportive, sfiorando il passaggio in categoria superiore.

Grande soddisfazione per la Sezione pisana dunque, che riesce ad annoverare tra le proprie fila un altro associato in Serie “A”: traguardo che mancava a questa Sezione da circa 25 anni e che ora si concretizza con uno dei suoi figli migliori che, ne siamo certi, non mancherà di regalarci altre soddisfazioni.

Domenica 23 Giugno 2012 si è giocato il Memorial “Edoardo Muttini” organizzato dalla Sezione di Carrara per ricordare uno splendido ragazzo che prematuramente ha lasciato i suoi cari (un anno fa, ormai) e tutti i suoi amici e colleghi della Sezione a cui apparteneva. Dopo un estenuante e rocambolesco girone di qualificazione, superiamo in semifinale Firenze e ci aggiudichiamo meritatamente il Trofeo battendo in Finale la forte Sezione di Brescia, bissando il successo dell’edizione precedente.

Anche questo finale ha sorriso a chi tra i pisani ha aspirato durante la stagione corrente al passaggio agli Organi Tecnici Nazionali o per chi già viaggiava nelle alte e prestigiose categorie ed ha ambito a traguardi sempre più vertiginosi.
Si tratta di ragazzi che ogni domenica mettono in campo la passione che alimenta la fame di arrivare ed ogni speranza di raggiungere i propri sogni.

Sono stati promossi: gli Arbitri Lorenzo Bertani e Antonio Giua alla C.A.N. – Pro, l’Arbitro Alberto Catastini alla C.A.I., l’Assistente Paola Devilla alla C.A.N. – D, l’Osservatore Carlo Lazzeroni alla C.A.N. – D, l’Osservatore Fabrizio Ferri alla C.A.I., l’Osservatore Mario Baglivo alla C.A.N. – 5.

Alberto Catastini

Fabrizio Ferri

Paola Devilla

All’inizio della Stagione Sportiva 2013/14, la Sezione si presenta con questo organico:
Arbitri Benemeriti 17
Arbitri F.Q. 49
Arbitri Effettivi 148
Arbitri Effettivi Speciali 10
Assistenti dell’Arbitro 30
Arbitri Associativi 1
Totale 255…

..e la storia continua…..

Tutti gli Arbitri, Assistenti e Osservatori iniziano la nuova stagione con il piglio giusto, consapevoli delle proprie capacità che, al termine, non faranno mancare di certo risultati apprezzabili. Ciò non ha impedito, però, di rivolgere una particolare attenzione – come già accaduto negli anni scorsi – alla solidarietà e al sociale, ennesimo merito della nostra Sezione. E così il 12 Marzo 2014 molti associati si sono recati al centro trasfusionale dell’ospedale di Cisanello per donare il sangue a conclusione della brillante iniziativa “DonArbitro”, con la collaborazione della Misericordia Fratres.

IMG-20140805-WA0006

Antonio Giua

Il 23 Febbraio 2014 il nostro collega Antonio Giua debutta in Lega-Pro I Divisione, dirigendo la gara Savona – San Marino, sotto lo sguardo attento e compiaciuto di un nutrito gruppo di colleghi pisani.

dsc_2288

Pisa vince l’11° Memorial ‘Mini’

E come sempre, anche l’attività associativa è risultata particolarmente brillante: al meritato trionfo nell’11^ Edizione del Memorial “R. Mini” il 25 Aprile 2014, è seguita l’affermazione al 2° Memorial “E. Muttini” il 25 Giugno 2014 a Carrara, a ulteriore testimonianza della “bontà” del nostro gruppo che ha saputo primeggiare nelle discipline più svariate.

 

giovanni gasparri

Giovanni Gasparri

Vingo

Giuseppe Vingo

Ma il “botto” arriva con la formazione dei ruoli arbitrali per la prossima stagione sportiva, a cura dell’A.I.A.: sono ben otto i nostri associati che possono festeggiare la promozione nelle categorie nazionali superiori: l’Osservatore Paolo Braccini subentra alla C.A.N – A a Marco Landucci (dismesso per limite di permanenza nel ruolo); l’Arbitro Alberto Catastini alla C.A.N. – D (lo stesso, già Referente regionale per la preparazione atletica, viene inserito nel Settore Tecnico (Commissione Nazionale del modulo della preparazione atletica); l’Arbitro Marco Tedesco alla C.A.N. – D; l’Arbitro Giuseppe Vingo alla C.A.I.; l’Osservatore Michele Chericoni alla C.A.N – D; l’Osservatore Maurizio Sisia alla C.A.N. – D; l’Arbitro Giovanni Gasparri alla C.A.N. – 5; l’Osservatore Giovanni De Santis alla C.A.I

de santis

Giovanni De Santis

 

Inoltre, Arcangelo Vingo si classifica al primo posto al Corso di qualificazione per Assistente arbitrale con conseguente immissione nei ruoli della C.A.N. – Pro, mentre l’Osservatore Michele Pingitore viene inserito d’ufficio nei ruoli della C.A.I.

Stagione particolarmente feconda che ha visto i nostri associati emergere sia in campo regionale che, soprattutto, nazionale, stagione che colloca ulteriormente la nostra Sezione ai vertici dell’Associazione.

Ai nastri di partenza della Stagione Sportiva 2014/15, la Sezione si presenta con questo organico:

Arbitri Benemeriti 17
Arbitri Effettivi 171
Arbitri Effettivi C5 2
Arbitri Effettivi BS 1
Arbitri Fuori Quadro 56
Assistenti dell’Arbitro 3
Arbitro Associativo 1
Totale 251

Questa nuova stagione inizia con il solito, rinnovato entusiasmo, nella consapevolezza delle enormi potenzialità dei nostri associati che non faranno mancare, ne siamo certi, risultati apprezzabili al momento di raccogliere i frutti per quanto seminato.

Un segnala molto positivo si registra il 15 Dicembre 2014, quando ad Antonio Giua viene assegnato il prestigioso Premio Nazionale “Prati” come miglior Arbitro della fase finale del Torneo “Berretti”, per la decorsa stagione sportiva.

Purtroppo con il nuovo anno dobbiamo registrare un evento molto triste: dopo un breve periodo di malattia, il 18 Febbraio scompare prematuramente all’età di 55 anni, il nostro collega a.f.q. Pino Staffa, Arbitro dal 2 Dicembre 1983. Già Assistente alla C.A.N. – D, per dieci anni componente il Consiglio Direttivo Sezionale, spirito libero ed indipendente, soprattutto negli ultimi anni, interviene attivamente nella vita sezionale con suggerimenti ed idee innovative, frutto del suo amore quasi viscerale nei confronti della nostra gloriosa Sezione. Pino lascia un vuoto incolmabile non solo in famiglia ma anche nella nostra Sezione, dove rimarrà sempre vivo il Suo ricordo.foto staffa pino

“Campioni eravamo e campioni siamo rimasti”: il 1° Maggio la Sezione conferma il brillante risultato della precedente edizione aggiudicandosi meritatamente la IX edizione del Trofeo “I. Pucciarelli”, sbaragliando letteralmente il campo degli avversari e conservando il titolo di “Campioni”.

Il 17 Maggio 2015 Stefano Liberti, dopo un campionato condotto ai massimi livelli, riporta il nome di Pisa e, soprattutto, della nostra Sezione in Serie “A”, svolgendo le funzioni di Assistente nella gara Hellas Verona – Empoli. La soddisfazione è grande tra tutti i colleghi che lo considerano legittimamente l’Alfiere della Sezione.

Sul finire della stagione registriamo due importanti riconoscimenti per i nostri associati: il 18 Maggio a Matteo Trapani viene conferito il Premio regionale “R. Cioni” per essersi distinto per il continuo impegno e per l’alto senso di appartenenza alla vita associativa, mentre il 15 Giugno Gioele Iacobellis si aggiudica il Premio come miglior Arbitro emergente a livello regionale.

Iacobellis

Giole Iacobellis

s200_matteo.trapani

Matteo Trapani

La stagione si conclude con la formazione, da parte dell’A.I.A., dei ruoli arbitrali per la prossima stagione sportiva: l’Arbitro Marco Emmanuele viene promosso ala C.A.I. e l’Assistente Andrea Ammannati alla C.A.N. – D. Entrambi raggiungono questo meritato traguardo a conclusione di un percorso che li ha visti entrambi protagonisti indiscussi sui campi della regione, dove si sono contraddistinti per capacità, senso di appartenenza e consapevolezza del ruolo.

emmanuele

Marco Emmanuele

ammannati

Andrea Ammannati

Ma non finiscono qui le soddisfazioni per questa Sezione: l’a.b. Paolo Braccini, O.A. alla C.A.N. – A, si aggiudica il prestigioso Premio Nazionale “Presidenza A.I.A.” destinato all’Osservatore Arbitrale particolarmente distintosi nel corso della stagione.

braccini

Landucci Marco - Can AMarco Landucci

Inoltre, l’a.b. Marco Landucci viene inserito nel Settore Tecnico dell’A.I.A. come “componente il modulo perfezionamento tecnico e valutazione tecnica a.e., a.a., o.a.” e l’a.e. Alberto Catastini viene confermato componente il modulo preparazione atletica dello stesso Settore Tecnico.

Ai nastri di partenza della stagione sportiva 2015/16, la Sezione si presenta con questo organico:
Arbitri Benemeriti 17
Arbitri Fuori Quadro
Assistenti dell’Arbitro
Arbitri Effettivi Speciali
Arbitri Effettivi
Arbitri Associativi 1

 

AlfredoDopo ben ventidue anni di avvicendamento alla guida della nostra  gloriosa Sezione da parte di Michele D’Alascio e Carlo Fiaschi, gli Arbitri pisani della F.I.G.C. hanno eletto Presidente, per il prossimo quadriennio olimpico, il trentottenne Alfredo Fiamingo, imprenditore, Arbitro dal 19 Novembre 1997, con esperienze fino alla serie “C – 1” (attuale LegaPro), da due anni Vice Presidente.

In 94 anni di storia, sono soltanto nove i Presidenti che si sono alternati nella conduzione della Sezione, a testimonianza di una comunione di intenti difficilmente riscontrabile in altre analoghe realtà. Alfredo Fiamingo succede a Ugo Essinger (fondatore e primo Presidente della Sezione), Giovanni Giagnoni, Ezio Vettori, Bruno Bartolini, Ivo Pucciarelli, Renzo Santini, Moreno Volpi, Michele D’Alascio e Carlo Fiaschi.

E’ un compito particolarmente gravoso quello che attende il nuovo Presidente: il blasone della Sezione e la professionalità e la competenza dei suoi predecessori esigono un impegno che risponda in pieno alle aspettative di tutte gli associati che gli hanno conferito questo prestigioso quanto delicato incarico con un consenso plebiscitario che ha raggiunto il 92% dei voti espressi.

Si tratta sicuramente di una svolta: aver saputo individuare un giovane che possa guidare con mano ferma e sicura una Sezione che, nel corso degli anni, ha sempre rappresentato un preciso e puntuale punto di riferimento per tutto il movimento arbitrale – anche a livello nazionale –  è il segnale forte di un senso di appartenenza, di una volontà precisa di un salutare ricambio generazionale di uomini e di idee che non potrà non portare giovamento a tutti gli Arbitri pisani.

FINALMENTE…!

Stefano Liberti  promosso in Serie “A”

Liberti_per_sitoSTEFANO LIBERTI è stato promosso in Serie “A”! Dopo un’attesa durata circa trenta anni, un altro associato della nostra gloriosa Sezione, sin dalla corrente stagione sportiva 2016/17, sarà impiegato stabilmente come Assistente arbitrale nella massima serie. E’ un traguardo storico non solo per l’interessato – che corona un sogno a lungo cullato – ma per tutta la Sezione e anche per la Città di Pisa che ritorna così ai vertici del calcio nazionale. Trentaseienne, Ingegnere, libero professionista, da vent’anni nell’A.I.A., da Arbitro riesce a raggiungere la Serie “D” ma solo per un soffio non ce la fa a passare in Serie “C”. Attaccato il fischietto al chiodo, si iscrive al corso nazionale per Assistente arbitrale e, al termine delle difficili prove attitudinali, si classifica al primo posto venendo così inserito di diritto nell’organico della Serie “C” (attuale Lega-Pro) per la stagione sportiva 2008/09. Dopo quattro stagioni, Stefano Liberti approda alla C.A.N. – “B” e già al primo anno debutta in Serie “A” il 19 Maggio 2013 nella gara Palermo-Parma. A dispetto di un fastidioso infortunio che ne limita temporaneamente l’attività, riesce a recuperare il terreno perduto e, dopo altri quattro gettoni di presenza nella categoria regina, arriva finalmente questo traguardo, che vede premiati gli sforzi profusi, le indubbie qualità, un comportamento esemplare e un attaccamento non comune a questa delicata e importante attività. Nel corso dell’attività, gli vengono conferiti i seguenti prestigiosi Premi: “A. Ibelli” 2001/02; “R. Massai” 2007/08; “P. Helzel” 2009/10.

Quella di Stefano Liberti in Serie “A” rappresenta la ciliegina sulla torta, ma le soddisfazioni non finiscono qui: altri associati ottengono promozioni di grandissimo spessore, a ulteriore testimonianza della riconosciuta bontà della scuola arbitrale pisana. L’Osservatore Arbitrale Michele Pingitore  in Serie “D”, l’Assistente arbitrale Francesco Liotta in Serie “D”; l’Arbitro Vito Coviello alla C.A.N. – 5; l’Arbitro Marco Emmanuele in Serie “D; l’Arbitro Giuseppe Vingo in Serie “D”.

Coviello

Vito Coviello

Liotta

Francesco Liotta

Pingitore

Michele Pingitore

Inoltre, sono stati confermati nel Settore Tecnico dell’A.I.A. l’a.b. Marco Landucci (Modulo Perfezionamento e Valutazione Tecnica) e l’a.e.  Alberto Catastini (Modulo Preparazione Atletica).

Masilunas_premioE per concludere in bellezza, al nostro Federico Masilunas è stato assegnato, dalla Sezione di Pontedera, il prestigioso Premio “Città di Pontedera”, destinato al miglior Arbitro emergente della regione. (nella foto, il Vice Presidente C.R.A. Toscana Vittorio Bini consegna il Premio)

Ai nastri di partenza della stagione sportiva 2016/17, la Sezione si presenta con questo organico:
Arbitri Benemeriti 20
Arbitri Fuori Quadro 53
Assistenti dell’Arbitro 4
Arbitri Effettivi Speciali 3
Arbitri Effettivi 163
Arbitri Associativi 1

…..e la storia continua…..

Presidenti

1922/23 – 1931/32     Ugo Essinger
1932/33 – 1942/43 Giovanni Giagnoni
1943/44 – 1945/46 Ezio Vettori
1946/47 – 1951/52 Giovanni Giagnoni
1953/54 – 1959/60 Bruno Bartolini
1960/61 – 1962/63 Giovanni Giagnoni
1963/64 – 1976/77 Ivo Pucciarelli
1977/78 – 1978/79 Renzo Santini
1979/80 – 1993/94 Moreno Volpi
1994/95 – 2000/01 Michele D’Alascio
2001/02 – 2007/08 Carlo Fiaschi
2008/09 – 2011/12 Michele D’Alascio
2012/13 – 2015/16 Carlo Fiaschi
2016/17 –             Alfredo Fiamingo

Sedi

1922/23 – 1931/32 Studio “Essinger” – Corso Italia
1932/33 – 1941/42 Caffè “Pietromani” – Lungarno Mediceo
1942/43 – 1943/44 Circolo “Ravvivati” – Lungarno Mediceo
1944/45 – 1945/46 A.C.I. – via San Martino
1946/47               Caffè “Volpi” – Borgo Stretto
1948                    Via Rigattieri
1949                    Circolo PP.TT. – Piazza della Repubblica
1950                    Corso Italia
1951/52 – 1953/54 Via Palestro, 6
1954/55 – 1959/60 Scalo Roncioni – Lungarno Mediceo
1960/61 – 1965/66 Via Flaminio Dal Borgo
1966/67 – 1976/77 via San Martino, 51
1977/78 – 1987/88 Viale delle Cascine, 20
1988/89 – 1994/95 Via del Martello, 2
1995/96 – 2005/06 Piazza V. Emanuele II, 23
2006/07 – 2012/13 Lungarno G. Galilei, 28
2013/14 Via Mariscoglio, 50